-->

La Rosa Bianca Di Serpente: L'inizio Della Maledizione


Autore: Greta Guerrieri

Anche il più banale degli incontri, può non essere casuale. Lais ed Etka passeranno da due perfetti estranei ad essere legati entrambi da un pericoloso vincolo maledetto. Perché il male è sempre in agguato e solamente il bene può fermarlo.

<<Quegli occhi dorati, mi ricordano il male.>>

Questo non è "solo un Romanzo", di fatto in questo scritto fra esperienze fatte, dubbi profondi, sentimenti pericolosi e paure, la scrittrice ci ha racchiuso parte della sua anima.

<<No, non è il parere della gente che mi fa paura. È quello che hanno visto i miei occhi a turbarmi.>> 

L'autrice è riuscita a mettere nero su bianco, il bene e il male di questa vita. Quel tripudio di impressioni vissute che aveva dentro, creando una storia fantasy che mi ha davvero RAPITA

<<"Non mi toccare" sibilò (Lais) prima di essere afferrato [...] "Non vali nulla [...]" (disse Wolk)>> 

A forza di vivere nel Caos, alla fin fine per riuscire a reagire e ad emergere, si finisce per cambiare e Lais (uno dei nostri protagonisti) un giorno agguantò a pieni pugni quella tremenda voglia di vincere e di vivere, così scappò.



<<Chiuse le palpebre concentrandosi sul buio che lo abbracciò all'istante e ci trovò conforto.>>

Una scrittura semplice ma intrigante, susseguita da una narrazione ricca di forti emozioni, lotte incredibili e amori, il tutto osservando i differenti punti di vista dei 5 protagonisti

<<Voleva essere fissata nuovamente, da quegli occhi dorati come il miele.>>

Un FANTASY assolutamente da leggere e non solo per la sua accattivante trama, ma anche per i messaggi profondi nascosti fra le sue righe.

<<Sono io che mi devo scusare. Ho detto un sacco di stupidate e se ho rischiato di perderti per cose del genere, io...>>

Qui il libro
Giudizio complessivo: 8
Buona lettura,


<<Lui era la notte, lei il giorno. Lui era la pioggia, lei il sole.>>

Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉:

     

Nessun commento:

Posta un commento