-->

Irrational Man


Regia: Woody Allen


IRRATIONAL MAN (Woody Allen)


Irrational Man non è un film perfetto, ma nella sua imperfezione sintetizza le cifre stilistiche del genere commedia che il cineasta newyorkese ha rincorso dopo la sua fase demenziale. 

La commedia thriller/ giallo di seduzione e tradimenti che Allen abbraccerà a fine anni 80' in poi (Crimini e Misfatti, Misterioso omicidio a Manhattan, Match Point, Sogni e Delitti, Scoop, Magic in the Moonlight), si unisce perfettamente , in Irrational Man, con il cinico esistenzialismo nevrotico e filosofico-egocentrico, carattere permanente della svolta bergamiana iniziata con Annie Hall.
 
Abe è un professore universitario di filosofia, bello e annoiato dalla vita al tempo stesso, che sedurrà la bella studentessa Jill la quale, anche se fidanzata, non resisterà al suo fascino tenebroso da bad boy radical chic. 

Abe, per dare un senso di giustizia alla sua vita, ucciderà il giudice corrotto Spangler mettendo del cianuro nella sua bibita. Jill prima tenta di coprirlo per amore, ma poi ci ripensa, venendo a sapere che un innocente pagherà per il suo delitto e tenterà di farlo confessare facendo giustizia. 



Anche se la storia è già vista e rivista, e Allen cita quasi a caso filosofi come Kant, Kierkegaard e Sartre sulla morte e la vita, il topic di Irrational Man è fondato sulla concretezza e il cogliere l'attimo: Abe è incapace di guardare le cose per quelle che sono davvero e per il loro reale valore, mentre Jill vive di pragmatismo che si nasconde dietro a ognuno dei suoi gesti; non è di fatto un caso che sia un’eccellente pianista e che scelga di esercitare la più “matematica” fra tutte le arti. 

Irrational Man è anche un film sulla sessualità, sull'usare il sesso per avere un'affermazione identitaria, ma anche su non avere alcun beneficio: Abe è l'oggetto del desiderio e anche frustrato nell'essere solo questo, Jill viene rappresentata come una bellezza pudica quasi inaccessibile . 

Allen in ciò è molto abile registicamente a mettere il corpo al centro della scena: inquadra la Stone e Phoenix quasi sempre a figura intera, lentamente si appropriano della centralità dello spazio della scena, nel tentativo di Allen di farli fondere con esso. 

Irrational Man alla fine ci da una lezione di vita crudele ed esteticamente riuscita nella sua rappresentazione, il sesso e la morte alla fine sono la faccia della stessa medaglia a tal punto da confondersi tra di loro .

Buona visione,


Trailer




Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉:

     

Nessun commento:

Posta un commento