-->

Il Mondo Perduto - Jurassic Park


Regia: Steven Spielberg

Il Mondo Perduto - Jurassic Park

Il Mondo Perduto – Jurassic Park è uno dei film che ancora oggi dividono di più i fan del franchising, come è accaduto negli ultimi anni per Jurassic World  e Jurassic World – Il Regno Distrutto 

Il film fu accolto non molto positivamente dalla critica a
differenza invece di un pubblico molto convinto del fatto che il film fosse buono ma, per quanto ci siano ottime scene e una storia che non delude, il film non può essere accostato al primo capitolo.

Diretto sempre dal nostro amato Steven, basato su una sceneggiatura di David Koepp e sempre con le magiche musiche di John Williams, Il Mondo Perduto faceva ripartire gli eventi a pochi anni di distanza dal primo episodio, che aveva visto il tragico fallimento del parco e la morte di diverse persone, con gli animali liberi dalle catene costruite dall’ambizione umana. 



Protagonista questa volta è il fantastico e accattivante matematico Ian Malcolm, ormai conosciuto alla comunità scientifica e ai media per la sua crociata contro la InGen e i suoi misfatti. Si viene a conoscenza che esisteva un’altra isola, Isla Sorna, che veniva utilizzata in passato per creare i dinosauri e poi immetterli in quella Isla Nublar che abbiamo visto nel primo film. 

Diretto con mano sicura e ferma, d’altronde il nostro caro Spielberg è difficile che ci deluda.


Il film sposa e mantiene la componente dello spavento e dell’avventura ed inoltre abbiamo una perfetta fotografia cupa ed espressiva e degli effetti speciali spettacolari e curati. 

Il Mondo Perduto ancora oggi regge il confronto con gran parte dei blockbuster, sicuramente più ricchi di effetti di ultima generazione, ma poveri di coraggio ed idee. Un film rispettabile che si lascia piacere e che incarna molto anche lo spirito di avventura e scoperta e l’anziano in salsa Spilberghiana.

Qui il film

Buona visione,


Trailer



Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉:

     

Nessun commento:

Posta un commento