-->

La Scala Di Vetro



Autore: Enrico Corso

Ritorno su questi schermi dopo la pausa estiva per parlarvi di un libro che ho amato moltissimo: La scala di vetro di Enrico Corso. 

Lester Hall è un avvocato; dopo un incidente stradale perde l’amata moglie Carolyn Reed, professione scrittrice. Lester rimettendo in ordine i documenti di Carolyn si troverà davanti ad un manoscritto inedito intitolato La scala di vetro. La storia del romanzo ritrovato si intreccerà con la storia della moglie, e dell’amica del college scomparsa, Lumen Meyers. Sarà compito di Lester capire cosa è reale, cosa non lo è e le implicazioni che tutto questo porta. 

“ Una scala di vetro, 

puoi solo andare avanti, mai indietro 

e alla fine ti rimangono solo cossi e sangue”



La scala di vetro è un ottimo thriller, un romanzo nel romanzo, dove niente è come appare. Scritto estremamente bene riesce a tenere incollato il lettore alle sue pagine con la giusta dose di suspense senza essere inutilmente cervellotico e complicato. Una storia assolutamente Made in Italy che non ha nulla da invidiare ai grandi romanzi thriller americani o d’Oltralpe (vedi Thilliez).

I protagonisti son ben disegnati: Lester un uomo diviso tra il dolore della perdita e la voglia di scoprire e indagare di più su una moglie che forse non è quella che credeva, Carolyn una grande scrittrice che non riesce a far tacere i suoi demoni interiori. Le loro storie si intrecciano con quelle di personaggi secondari a tratti orribili e a tratti magnifici ma sempre ben scritti e delineati.

La formula del metalibro è un escamotage che amo molto perché mi piace l’atmosfera e il dualismo tra finzione e realtà che si viene a creare; ma non sempre risulta ben riuscito. In questo caso è un metodo vincente perché mostra al lettore l’estrema abilità che Corso ha nel saper intrecciare i fili della trama senza mai perdersi o risultare ripetitivo. La scuola del libro-game paga sempre e Corso ne è uno degli esponenti più dotati. 

La scala di vetro è stata una bella scoperta, una bellissima lettura per il periodo estivo, ha saputo tenermi impegnata la mente e intrigarmi con la sua trama ben costruita e un finale per nulla scontato.

Qui il libro

Buona lettura,


Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉:

     

Nessun commento:

Posta un commento