-->

L'immensità Della Notte (The Vast of Night)



Regia: Andrew Patterson


L'immensità Della Notte  (The Vast of Night)


Ma sul serio. COSA CAZZO.

Si io ve lo dico, The Vast of Night è un grosso “cosa cazzo”,
prendendolo e guardandolo senza saperne assolutamente niente, naturalmente (ed è anche ciò che vi consiglio).

Detto questo, procedo a spiegare:

Nei primi due minuti veniamo a conoscenza che quello che stiamo per vedere è un film (grazie al cazzo), appartenente ad una fittizia serie antologica che palesemente si rifà a The Twilight Zone,  chiamata “Paradox Theatre”.

Questo piccolo intermezzo che ci immerge nel film dietro il film, e che si ripeterà anche per qualche altra volta nel corso della pellicola, non è che la prima delle tantissime scelte stilistiche e narrative da “cosa cazzo”, seguito da fronte corrucciata e testa leggermente inclinata verso destra.

Perchè The Vast of Night, opera prima di Andrew Patterson, è tutto ciò che non ti potresti mai aspettare e ciò che ti potresti invece aspettare, da rapimenti alieni, e il terrore derivato dall’immensità della notte.


Il probabile senso di odio, derivato da lunghi piano-sequenza e inutili-dialoghi-infiniti dei primi 20 minuti, lascia pian piano spazio al sospetto e alla tensione che lo storytelling di James Montague e Craig Sanger costruisce in maniera astuta e abilissima, senza di fatto mostrare niente fino alla fine.

È con la parola, che i due sceneggiatura creano un alone di mistero fittissimo, nel quale i due protagonisti, ignari di cosa gli sta aspettando, entreranno.

Ed è la fantasia dello spettatore a fare il resto.

Si può parlare quindi di qualcosa di molto simile, solo come struttura, ad un found footage/mockumentary alla Blair Witch Project  o, ancora più in tema, alla Phoenix Forgotten.

La paura dell’ignoto è nei racconti, e nella narrazione calma e misurata con il contagocce, di Billy e Mabel Blanche.

Il terrore è nella parola.

Buona visione,


Trailer



Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉:

     

Nessun commento:

Posta un commento