-->

The Territory - O Território


Regia:Raúl Ruiz

TRAMA

Persi in un bosco nella vicina campagna francese, due famiglie americane sono costrette a ricorrere al cannibalismo per restare in vita il più a lungo possibile.

“What should I do, Barbara? Should I hit 'im? Should I hit 'im, Barbara?”

Potrebbe risultare banale, ma Raúl Ruiz è unico.

Ne è esistito uno solo al mondo, e non ce ne saranno altri. Come con City of Pirates e Manuel on the Island of Wonders, O Território non manca di dimostrare l’impronta e il marchio del suo regista.

Non serve fare paragoni insensati, e stare sempre a scomodare David Lynch quando si parla di onirico, perché la concezione di sogno e incubo di Ruiz è distante da un Eraserhead quanto da un Inception qualsiasi, o da una delle prime scene di Wild Strawberries.

 

Il senso di inquietudine onnipresente in un Lynch viene qua sostituito da un atmosfera più...allucinogena in realtà. Anche se l’aggettivo più funzionale è palesemente: ipnotico. Come lo è in City of Pirates e come lo è in Manuel on the Island of Wonders.

La novità di The Territory è che, al contrario dei due sopra, ha una vera e ben delineata trama, forse molto influenzata da quel Buñuel che, bene o male, è il precursore di questo specifico filone di films (L’Angelo Sterminatore). 

Roba strana, che mi piace.

Fever dream.

Buona visione,


Trailer


Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉:

     

Nessun commento:

Posta un commento