-->

Il Mio Gatto Mi Mangerà Gli Occhi?


Autore: Caitlin Doughty
                    
Vi siete mai chiesti cosa succederebbe ad un astronauta caso mai morisse nello spazio? E se foste troppo alti per stare all'interno di una bara di dimensioni standard? È possibile preservare un corpo nell'ambra come nel migliore dei Jurassic Park?

Per queste e altre meravigliose domande e risposte sulla morte leggetevi il terzo libro di Caitlin Dougthy, Il mio gatto mi mangerà gli occhi?, uscito nel 2019 ma arrivato solo da pochissimo in Italia per Il Saggiatore. 
                      
Per parlare di questo libro bisogna partire dalla sua autrice. Caitlin Doughty è una ragazza americana che dopo una laurea in storia medievale ,ed essersi iscritta alla mortuary school, inizia a lavorare in un'impresa funebre.

Qui entra in contatto con la Morte e quanto questa influenzi la vita degli uomini e le loro paure, e da questa esperienza nasce anche il suo primo libro, Fumo negli occhi (per Carbonio Editore) un  meraviglio memoir del suo lavoro a contatto con la mortalità e i forni crematori. 

Nasce e matura la sua attenzione e desiderio di conoscenza per la Morte nelle sue molteplici forme e un viaggio alla scoperta delle tradizioni mortuarie più lontane, da cui ne nasce un libro, un misto tra un reportage e un diario di viaggio tra i posti più sperduti del mondo e il loro rapporto con la morte,  From Here To Eternity (ancora inedito in Italia). 

Caitlin ha un canale Youtube, Ask a mortician, in cui parla di morte e cerca di far cambiare idea alle persone e far capire quanto sia importante accettare l'inevitabile e cercare di cambiare da dentro un economia, quella funeraria, che in America frutta miliardi di dollari. 

La consapevolezza che può esistere un modo più green e ecologico per vivere la propria Morte; niente più bare, formaldeide e acciaio, non più cimiteri tradizionali, non più sostanze tossiche per l'uomo e inquinanti per l'ambiente. La Morte può essere vista come un ritorno alla Terra, un ridare alla natura quello che lei ci ha donato. Essere sepolti nella nuda terra, solo con un lenzuolo e rinascere in un albero, un cespuglio o un fiore.

 

Il mio gatto mi mangerà gli occhi? è invece un libro pensato per il pubblico più giovane, in cui la Doughty ha raccolta le più interessanti, improbabili, morbose domande che bambini in giro per il mondo le hanno posto durante le presentazioni dei suoi libri. 

E i bambini sanno essere davvero perversi.

Ne viene fuori un libro simpatico, diventante, interessante; arricchito, almeno in originale (e spero anche nella nuova traduzione italiana) dalle bellissime illustrazioni di Dianné Ruz

Chi come me è sempre stato affascinato dalla Morte non è solo e non dobbiamo vergognarci per essere come siamo e grazie alla Doughty e al suo lavoro, alla nascita del movimento di Death Positivity speriamo piano piano di riuscire a far cadere anche questo tabù: parlare della Morte per capirla, comprenderla, creare nuove generazioni di adulti consapevoli della propria mortalità e consapevoli di poter fare qualcosa per l'ambiente, la società e  il pianeta anche nell'ultimo dei propri giorni. 

Leggete la Doughty, vi aprirà gli occhi 

Buona lettura, 



Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉:

     

Nessun commento:

Posta un commento