-->

Esche Vive


Autore: Fabio Genovesi

"Ho imparato a vincere quando mi hanno insegnato a perdere"

La storia di un Campioncino che deve vincere, sempre, e non ha scampo. Polpacci palpati, lodi sui giornali locali, saluti per la strada, riconoscimenti. Ma vincere significa davvero solo tagliare un traguardo? Portarsi a casa una coppa o fiori? Vincere in solitaria, arrivare a destino e non poter vivere la vita da ragazzini perché tempo non ce n'è. È vincere davvero quando si è isolati, senza amici? Vincere per gli altri, perché tutti se lo aspettano e tu? La tua personalità, i tuoi desideri, le tue risate... dove sono? 

Dove li hai sotterrati?

Ma è anche la storia di Fiorenzo, della sua unica mano, della sua battaglia per spaccare il mondo con la sua band, del bisogno di urlare il dolore per una madre perduta, della sua rabbia repressa verso un padre che pensa solo al ciclismo e che lascia il figlio dormire nel negozio di pesca, perché troppo concentrato sulle vittorie di un ragazzino inconsapevole delle conseguenze emotive che causa.


E infine è anche la storia di chi intraprende strade che portano lontano, studi all'estero che allontanano dalla piccola terra d'origine, percorsi che fanno sognare lavori importanti, ma anche di scelte che sembrano vanificare ogni sforzo.

Fiorenzo, il Campioncino e Tiziana, con il loro bisogno di urlare ciò che davvero desiderano, le relative inadeguatezze relazionali, sessuali, scolastiche, incroceranno le loro strade coinvolgendovi in un vortice di parole non dette, insicurezze, vuoti, insoddisfazioni e delusioni.

Una lettura per...chi ha la sensazione di girare in tondo...chi, intrappolato dalle proprie emozioni, fugge dalle finestre...chi non smette di lottare e s'impegna per trovare strade alternative...chi scrive pensieri ed emozioni su quaderni, foglietti e vorrebbe disseminarli per le strade nella speranza di essere finalmente visto.

Qui il libro

Buona lettura,


Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉:

     

Nessun commento:

Posta un commento