Il Lago Di Sidney Lanier


Si estende ai piedi delle montagne a nord della Georgia per circa 26 miglia, con una profondità massima di 75 m ed una superficie di 150 km2.

Questo lago artificiale ha origini recenti. Nel 1948 il governo statunitense, acquistò una fattoria di 100 acri dandola in gestione ad un'azienda per poter creare un progetto idrico sul fiume Chattahoochee. L'intenzione era quella di rifornire la città di Atlanta di energia idroelettrica e di acqua. Nel 1950 iniziò la costruzione della diga sul fiume Chattahoochee e nel 1956 venne dato inizio al riempimento e alla creazione del lago.

Già dai primi tempi il lago ebbe un impatto negativo sulle famiglie di coltivatori che abitavano a valle della diga. Il governo cercò di acquistare a poco prezzo i terreni della zona che sarebbero finiti sott’acqua durante il riempimento del lago. Molti si opposero alla vendita e rifiutarono di andarsene, non ne volevano proprio sapere. Più di 200 persone morirono annegati durante il riempimento del lago. Sembrerebbe

che ancora oggi, sul fondo del lago, vi siano ancora alcune piccole case sommerse.

Il lago Lanier, negli anni, ha acquisito un terribile soprannome, ovvero: “Il Lago Maledetto” per aver causato la morte e la sofferenza di molte persone dopo la sua nascita.

Nel corso degli anni, si sono verificati strani avvenimenti e molti decessi associati al lago tra cui: incidenti in barca, annegamenti, autisti che perdono improvvisamente il controllo delle loro auto finendo nel lago. Nel corso degli anni, molti hanno affermato di aver visto la loro barca, affondare o danneggiarsi per aver colpito qualcosa in acqua, o capovolte da “improvvise” onde anomale (accadimenti degni di un film horror). Molte persone sono morte annegando in questo lago.

Chiaramente, questi incidenti hanno fomentato voci (tra gli abitanti del posto), secondo cui il lago Lanier, potrebbe essere infestato o maledetto. Alcune persone che sono riuscite a salvarsi, hanno raccontato di aver provato strane sensazioni come se qualcuno li tirasse verso il fondo dell'acqua.


Nel 2011 ben 17 persone sono decedute nelle acque del lago Lanier o lungo le sponde di esso. Il 18 giugno 2012 due fratelli, Jake di 9 anni e Griffin di 13, erano seduti sul pontile del lago, quando furono investiti da Paul J. Bennett che perse il controllo della sua barca uccidendoli entrambi sul colpo.

Il 9 luglio Kile Glover (figlio 11enne di Tameka Foster, ex-moglie della pop star Usher), fu colpito da una moto d’acqua mentre nuotava a pochi metri dalla riva, morendo due settimane dopo.

Persone di ogni età, visitano questo lago ogni anno, per praticare canottaggio, nuoto, pesca, campeggio e altre attività all’aperto.

Oltre a questi incidenti, il lago Lanier è famoso anche per alcune sparizioni misteriose, ancora oggi rimaste irrisolte. Uno di questi casi ruota attorno ad un uomo di nome Kelly Nash, 25 anni, scomparso dalla sua casa di Buford (Georgia). La mattina del 5 Gennaio 2015, Nash si svegliò con sintomi influenzali dicendo alla sua fidanzata di dover assolutamente andare in farmacia. Quando la ragazza si svegliò (07:30), scoprì che Nash non era in casa e non aveva portato con se nè i documenti, nè le chiavi della macchina.

Un mese dopo la sua scomparsa, l’8 febbraio, il corpo ormai decomposto di Nash fu avvistato nelle acque del lago Lanier da un pescatore. L'uomo indossava ancora i pantaloni del pigiama che aveva quella notte. Il caso non è mai stato risolto e ad oggi non è chiaro il motivo per cui uscì di casa per morire in un lago a 45 km di distanza.

Un altro caso noto fu quello di una studentessa di Gainesville, la 16enne Hannah Truelove, il 24 agosto 2012. Il corpo di Hannah fu ritrovato in una zona boscosa in riva al lago, la ragazza era stata accoltellata più volte, anche se la causa della morte fu per annegamento. Poco prima di scomparire, Hannah fece una serie di tweet dal suo account dicendo che: “qualcosa la stava spiando attraverso il bosco” vicino il lago.

Nonostante questi numerosi “incidenti”, il lago ogni anno è meta di turisti e di curiosi che osano sfidare le “dicerie” locali.

Se vi chiedessero di visitarlo o magari farvi una bella nuotata e perchè no, anche una bella dormita in prossimità della riva, ci andreste?!

Ditecelo nei commenti...


Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉:

     

Nessun commento:

Posta un commento