-->

The Gentlemen: La Recensione del Film



Regia: Guy Ritchie

Guy Ritchie torna alla regia con questo gangster movie. Il tema di base è infatti la criminalità londinese, tema largamente affrontato dal regista in altre sue pellicole (Snatch e Rock'N Rolla per citarne due). 

Mickey (Matthew McConaughey) è un americano trapiantato in UK che gestisce un grosso giro di marijuana. Decide di vendere le sue piantagioni e andare in pensione, ma qualcosa va storto e la situazione precipita in fretta in una spirale di violenza, intrighi e colpi di scena. 

Questa pellicola non mi ha convinto del tutto. Principalmente perché sa di già visto, di già sentito, soprattutto se inserita nella filmografia di Ritchie. Non è un brutto film sia chiaro, ma è una minestra riscaldata, senza originalità o particolari guizzi innovativi. La solita storia di gangster con avvicendamenti al vertice e reciproci tentativi di fregarsi a vicenda. 

Peraltro la trama, nonostante i vari colpi di scena, lascia qualche buco qua e là e più di un punto interrogativo.


Le note assolutamente positive invece sono i personaggi. Gli attori sono bravissimi e infatti il cast è di altissimo livello, ma il merito maggiore credo vada a Guy Ritchie. Come in altri suoi film riesce a rendere iconici i suoi protagonisti (ma anche i personaggi secondari) con poche e semplici inquadrature. Con un paio di scene riesce a farteli entrare nel cuore o a farteli odiare a morte. Riesce proprio a caratterizzarli a partire dai dialoghi ben scritti fino ad arrivare ai costumi e alle movenze. 

Le scene d'azione sono un altro punto a favore. Ma anche questa non è una novità nei film di Ritchie. Anche in quest'ambito è capace di girare scene pulite, dinamiche e ben coreografate. 

Insomma un film mediocre, nel senso più neutro del termine: che sta nel mezzo. Non spicca nell'originalità della trama, ma si fa seguire volentieri e compensa con personaggi ben delineati, dialoghi credibili e scene d'azione sempre spettacolari. 

Giudizio complessivo: 6.5 

Buona visione, 




Trailer



Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉:

     

Nessun commento:

Posta un commento