Armin Meiwes – Il Cannibale di Rotenburg



Criminale tedesco, soprannominato “Il Cannibale di Rotenburg an der Fulda per alcuni atti di cannibalismo a sfondo sessuale.


L’Uomo


Nacque nella cittadina di Essen (ex Germania dell'Ovest), il 1º dicembre 1961.

Da piccolo veniva preso in giro dai bulli per via della sua timidezza ed è per questo che nella sua testa scattò un meccanismo di difesa come reazione ai brutti episodi di cui era vittima. Nello specifico, creò un amico immaginario chiamato Frank (un po' come il piccolo Danny Torrance in Shining) anche se non fu molto d'aiuto.

Come se non bastasse, all'età di 8 anni, il padre abbandonò lui e la famiglia senza fare più ritorno. Questo fu il momento più triste della sua infanzia ed avvenne il 20 settembre 1970.

All'età di 16 anni si trasferì con la mamma in una casa di campagna, situata nella cittadina di Rotenburg, abitazione che nei successivi anni, divenne famosa perché teatro dei suoi atti di cannibalismo.

Nel 1999 (anno in cui morì la madre), Armin iniziò a manifestare apertamente tutte le sue fantasie e perversioni.

Specializzandosi in informatica, iniziò a trascorrere molto tempo davanti al computer, documentandosi inoltre di libri che trattavano di cannibalismo e seguendo alcune biografie di noti serial killer. La scoperta di alcuni forum di cannibalismo nel deep web, fecero si che iniziò a pensare di poter consumare un suo simile.


Il Cannibale


Iniziò con il creare un sito segreto, utilizzando come nickname quello del suo amico immaginario ovvero Frank.

Pubblicò annunci forti, con contenuti a sfondo sessuale, con il fine di poter attirare l'attenzione di tutti coloro che avevano il desiderio folle di farsi macellare ed uccidere. Dato il numero così elevato di risposte, decise di trasformare una delle camere di casa sua (a cui aveva dato il nome di mattatoio) in un ambiente predisposto per la "macellazione", acquistando da subito utensili e macchinari per questo apposito utilizzo.

Nel Marzo del 2021, venne contattato da un folle desideroso di farsi "macellare", un ingegnere tedesco, bisessuale, che si dedicava all'antropofagia. Il suo nome era Bernd Jürgen Brandes.

Quando l'architetto giunse a casa di Meiwes, Armin decise di riprendere tutto quello che sarebbe accaduto con una videocamera posizionata nella stanza. Giunti al mattatoio, lo fece spogliare e subito dopo gli somministrò una mix esplosivo di alcool e sonniferi.

Il signor Brandes, prima che iniziasse il processo di macellazione, chiese ad Armin di soddisfare una delle sue perversioni più assurde; gli chiese di mutilargli il pene e di farglielo assaggiare. Armin gli mutilò il pene (eretto) con un coltello e lo assaggiò (andiamo ben oltre il classico Hannibal Lecter) dopo averlo saltato in padella con sale, pepe, aglio ed olio.

Subito dopo lo mise in una vasca per farlo averlo dissanguare. Mentre leggeva un libro di Star Trek, gli diede un bacio e gli tagliò la gola uccidendolo. Più tardi, appese il suo cadavere su un gancio, lo sezionò e ne congelò le carni in un frigorifero tralasciando alcuni scarti che seppellì nel giardino.


L’Arresto e l’Ergastolo


Venne arrestato nel 2002, quando uno studente che di Innsbruck contattò la polizia in seguito alla visione di nuovi annunci visti su internet.

Quando i poliziotti giunsero in casa di Meiwes, trovarono alcune parti del corpo del corpo di Brandes conservate in un congelatore (incluse le registrazioni dei filmati).

Il 30 gennaio del 2004 fu condannato a otto anni di carcere con l'accusa di omicidio preterintenzionale, poiché asserirono che Brandes, era consenziente. Ciò nonostante, gli riconobbero l'infermità mentale.

Meiwes confessò in seguito ciò che aveva commesso, affermando di voler inoltre scrivere un libro con l'intento di non far ricadere chiunque volesse ripetere le sue gesta.

Nell'aprile del 2005 un tribunale tedesco ha rivisto il caso e ha ordinato un nuovo processo che si è concluso il 10 maggio 2006. La condanna è passata all'ergastolo, in virtù del mutamento del capo d'accusa in omicidio volontario a sfondo sessuale, a causa della mancanza di consenso della vittima.


Curiosità


I filmati in cui Meiwes aveva registrato l'omicidio di Brandes vennero inizialmente caricati sul deep web prima di essere sequestrati dalla polizia.

L'emittente privata tedesca RTL riuscì a mandare in onda un'intervista di Meiwes, in cui egli dichiarava che "la carne umana sa di maiale" e che "è una bella sensazione" sentire la vittima come parte di sé.

Cannibal è un horror estremo tedesco scritto, prodotto e diretto da Marian Dora nel 2006. La storia del film è basata su questo caso.



Abbiamo assistito ad un altro profilo folle, quello di Armin Meiwes. Vittima a sua volta, di un'infanzia travagliata che ha fatto sì che potesse dare libero sfogo (crescendo) ai traumi subito da bambino, trasformandoli in veri e propri orrori.

Secondo voi cosa spinge una persona ad arrivare a tanto!? Conoscevate la storia di questo cannibale?! Il film l'avete visto?!

Vi aspetto nei commenti come sempre e vi do appuntamento alla prossima storia.


Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉:

     

Nessun commento:

Posta un commento