Follia Per Sette Clan


Autore: Philip K. Dick

Follia per Sette Clan (Clans of the Alphane Moon, Philip K. Dick, prim. ed. 1964).

TRAMA

La storia si svolge in due località, la Terra (o meglio gli Stati Uniti) e la luna Alpha III L2. Alpha III L2 un tempo era una colonia terrestre, poi abbandonata, in cui però rimane vivo un ospedale psichiatrico con i suoi pazienti. Negli anni di abbandono gli internati fondarono una loro società, dividendosi geograficamente in base ai loro disturbi mentali. Sulla Terra invece seguiamo le vicende di Chuck Rittersdorf e la sua, quasi ex moglie, Mary, che si offrirà come volontaria per volare su Alpha III L2. La Terra conosce già il destino della sua ex colonia lunare, spetterà ai suoi pazzi abitanti resistere e sopravvivere al proprio destino. 

---------------------------------------

Il punto di forza del libro è, sicuramente, la descrizione dei Sette Clan di Alpha III L2. Ogni Clan ha le sue peculiarità, una sua città e un personaggio terrestre che, secondo Dick, aveva quelle caratteristiche. 

Esiste così il Clan dei PARA (paranoici), gli statisti abitanti di AdolfVille (Dick riconosce Hitler come una personalità di tipo paranoico). Il Clan dei MANI (maniaco depressivi) i guerrieri, abitanti di Alture DaVinci e proprio Leonardo è il loro personaggio associato. 

Il punto fondamentale del libro, su cui si focalizza l'attenzione dell'autore, è il concetto di cosa è normale o cosa è anomalo

I pazzi di Alpha III sono davvero l'anomalia rispetto alla normalità dei conquistatori terrestri? I pazzi che si sono dati una società funzionante ed equilibrata sono davvero così malati di mente? 

Questo è specchio del periodo in cui il libro è stato scritto, il periodo in cui si cominciavano a mettere in dubbio gli ospedali psichiatrici e i metodi di categorizzazione dei malati mentali. 

Dick è un autore che amo moltissimo e Follia per Sette Clan è sicuramente uno dei suoi romanzi meno conosciuti ma non per questo meno belli (i grandi autori sono tali anche nei loro piccoli libri). 

Quello che amo di Dick è la sua immensa ironia nel descrivere attraverso allegorie il male del suo mondo, ogni suo libro è composto da mille sottotesti ed è questo il suo punto di forza.

Buona lettura,




Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉:

     

Nessun commento:

Posta un commento