-->

Sport: Le 5 verità dell'ultimo weekend di Settembre 2018



Per chi mi segue sulla mia pagina Facebook personale 100% Sport avrà

già sentito parlare della rubrica:"Le 5 verità".
Per i nuovi "Le 5 verità" sono una rassegna di notizie sul weekend sportivo appena concluso dove si fa il punto della situazione e si traggono conclusioni dagli eventi appena conclusi.
Iniziamo subito con la prima verità:

Juventus già campione d'Italia?
L'appoggio piano per iniziare :-), a parte gli scherzi la Juventus rischia di essere imprendibile anche quest'anno.
Mai nella storia della Serie A la capolista in 7 giornate è riuscita ad accumulare 6 punti di vantaggio sulla seconda in classifica.
Una Juventus agevolata sicuramente da un calendario semplice, solo Lazio e Napoli le big sfidate e per di più allo Juventus Stadium, ma anche forte di una squadra completa e molto pronta sin dall'inizio.
In porta Szczęsny è stato pronto a ereditare le responsabilità di Buffon.
In difesa, completata dal ritorno di Bonucci e dal nuovo acquisto Cancelo, sembra essere pronta.
Il centrocampo è, per me, in fase di rodaggio e piano piano salirà allo stesso livello dell'attacco:
Ronaldo e Mandzukic sembrano avere un ottima intesa, senza contare un Dybala spento in questo inizio di campionato, 16 gol in 7 partite garantiscono sicurezza in fase offensiva.
Douglas Costa, squalifica a parte, si è dimostrato in forma e già in grado di aiutare la squadra.
Bernardeschi ha, per ora, dimostrato di essere all'altezza di una maglia da titolare in molte occasioni e Allegri l'ha notato.

In conclusione la Juventus è già campione d'Italia? No perché siamo alla 7° giornata, ma i bianconeri sono i più forti del campionato senza dubbio.


2° Verità: Abbiamo il golfista più forte al mondo (Francesco Molinari)

Qua non penso proprio di sbilanciarmi, Francesco Molinari ha trascinato il Team Europe, in coppia con Garcia nella Ryder Cup 2018, che ha battuto il Team USA per 14½ a 9½.
Chicco quest'anno ha vinto l'Open Championship
(uno dei 4 major della stagione) e in questa Ryder Cup ha stabilito il primato di essere l'unico giocatore europeo ad aver vinto tutti e 5 match della 3 giorni di Parigi.
Francesco Molinari è anche il primo giocatore della storia a vincere un Major e allo stesso tempo vincere 5 partite su 5 alla Ryder Cup.
Insomma ditemi voi se, quest'anno, non è stato il più forte del mondo...

3° (dura) Verità: La Mercedes è una macchina migliore della Ferrari.

È inutile nascondersi dietro una buona prima parte di stagione, anche quest'anno Hamilton vincerà il mondiale e la Mercedes la classifica costruttori. La Ferrari nella prima parte di stagione è stata superiore alla Mercedes e nessuno lo mette in dubbio, ma dopo il Gp di Germania non c'è stata più una crescita da parte della monoposto di Maranello.
La Mercedes, invece, per via della grande abilità di Hamilton e del lavoro effettuato dai propri meccanici ha messo a davanti a tutti ancora una volta la freccia d'argento.
Ora Hamilton ha 50 punti di vantaggio su Vettel e rimangono solo 5 gare per recuperare il distacco... Troppo poco per poterci ancora davvero credere.

4° Verità: a 38 anni campione del mondo: Alejandro Valverde, storia di un campione infinito

È proprio vero che lo sport, (e qua aggiungo io) il Ciclismo, non finisce mai di stupirci.
Ieri sulle strade di Innsbruck si è consacrato, con il titolo iridato, Alejandro Valverde.
Spagnolo ed eterno corridore della Movistar, ha sempre inseguito questo titolo sin dal 2003 dove arrivò secondo solo ad Astarloa, ma questa volta nulla possono Bardet, Alaphilippe e Woods arrivati sul traguardo con lo stesso tempo.
Valverde ha vinto nella sua carriera 5 Freccia-Vallone, 4 Liegi - Bastone- Liegi, la Vuelta nel 2009, 4 tappe al Tour de France e 1 al Giro d'Italia.
Valverde può vantare almeno un podio finale in ogni grande giro.
La Spagna non vinceva un mondiale dai tempi di Oscar Freire a Verona (2004) e non è un caso che lo abbia fatto con una squadra che deficitava di Michael Landa.
Insomma si consacra così un grande corridore che mi è sempre piaciuto. Ottimo scalatore e buon finisseur.


5° verità : Fognini buon giocatore, ma niente di più.

Questa è una riflessione a freddo dopo ieri [sconfitta in finale nel l'Atp 250 di Chengdu con Tomic per 6-1 3-6 7-6 (7)].
Perché dico:" Buon giocatore e niente di più?"
Perché Fabio è così, in giornata in grado di battere chiunque, ma davvero chiunque. In "Giornate no" rischia sconfitte da giocatori più costanti di lui, ma di livello sicuramente più basso.
Ieri la partita è iniziata male, come spesso accade con Fabio nell'ultimo periodo.
Nel secondo set Fabio ha sicuramente alzato il gioco nonostante un servizio che non superava il 60% di prime in campo.
Nel terzo set Fabio, al tie-break, è stato avanti 6-3 e ha avuto 3 match point (2 al servizio e uno in risposta). Qui un giocatore che attualmente è 13 al mondo va a chiudere il match, ma non è Il caso del giocatore di Arma di Taggia.
Fabio Fognini sbaglia e concede a Tomic l'occasione di andare 5-6, poi l'australiano pareggia i conti con un gran servizio.
Sul 6-6 Fabio però vince uno scambio di 26 colpi e si procura un altro match point al servizio che vanifica, 7-7. Fognini perde anche il punto successivo e a quel punto Tomic chiude il match.
Il match di ieri è, per me, rispecchia perfettamente la carriera di Fabio Fognini: al momento di fare il salto di qualità e affermarsi tra i più forti al mondo, manca l'appuntamento per qualcosa. Ieri è stato il caso del tiebreak non chiuso, spesso è stato per cali di concentrazione sul match o per problemi caratteriali legati all'andamento dello stesso (chiedere alle sue racchette) :-).
Purtroppo, ieri, ho constatato per Fabio questa dura verità.

Davide Poggi



Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉:

     

Nessun commento:

Posta un commento