-->

Una Morte Perfetta


Autore: Angela Marsons 


BREVE TRAMA

Il laboratorio di Westerley non è un posto per i deboli di cuore. Si tratta di una struttura che studia i cadaveri in decomposizione. Ma quando la detective Kim Stone e la sua squadra scoprono proprio lì il corpo ancora fresco di una giovane donna, diventa chiaro che un assassino ha scoperto il posto perfetto per coprire i suoi delitti.

Quanti dei corpi arrivati al laboratorio sono sue vittime? Mentre i sospetti di Kim si fanno inquietanti, una seconda ragazza viene aggredita e il suo corpo è ritrovato con la bocca riempita di terra. Non c’è più alcun dubbio: c’è un serial killer che va fermato prima possibile, o altre persone saranno uccise. Ma chi sarà la prossima vittima? Riuscirà a decifrare i segreti di una mente contorta e spietata, pronta a uccidere ancora?


RECENSIONE

Quarto libro della serie che vede protagonista Kim Stone e la sua squadra investigativa. A differenza di La Ragazza Scomparsa, thriller della stessa autrice, nonché libro che precede questo in esame, l’ho trovato più “sentimentalista“. 

Si mettono a nudo tutti i segreti più intimi e morali dei protagonisti e, finalmente, vediamo combaciare tutti i pezzi, sparsi negli altri tre romanzi. Ammetto che, sul finale, una lacrima mi ha rigato il viso, prova del fatto che c’è spazio anche per i moralismi

L’autrice mette in gioco una miriade di personaggi, apparentemente senza un nesso logico legante, ma che, nelle battute finali, risultano tutti collegati, più di quanto si pensi. È una storia sicuramente più “lenta“ (ripensando a La Ragazza Scomparsa), con timidi colpi di scena. 

Solo nel finale, li vediamo sguazzare fuori - nel vero senso della parola - 

Tra le vittime del nostro psicopatico, leggiamo un nome molto famigliare, nonché uno degli storici personaggi della serie. Chi sarà? Cosa nasconde il suo passato e quello delle altre vittime? Come accennato, pochi colpi di scena prendono vita tra le pagine. La Marsons ce li tiene tutti per il finale, secondo il mio modesto parere, insospettabile; perché ci porta su una strada per poi deviarci completamente. 

Non annoia con inutili descrizioni, ma tiene vivo l’interesse con dialoghi dalle sfumature comiche, sentimentalistiche e inquietanti - quest ultime nate dalla mente malata e travagliata del nostro assassino -

Per concludere, il mio voto è di quattro stelle. Punteggio non pieno quindi. A giustificare ciò, la lentezza che ho riscontrato per molte pagine. Aggiungo anche la tipica caratteristica che ho riscontrato nei suoi romanzi, vale a dire la propensione ad assegnare ai personaggi nomi che si assomigliano tra di loro, dettaglio che rallenta la lettura.

Buona lettura,


Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉:

     

Nessun commento:

Posta un commento