-->

Better Watch Out


Regia: Chris Peckover

Il Natale è ormai alle porte (più o meno), e tra regali, cenoni con i parenti e pupazzi di neve, arriveranno anche, come da tradizione, i film natalizi.
Quelle pellicole che, ogni fottuto anno, invadono le nostre televisioni, e che, per quante volte me le sono dovute sorbire, me le ricordo a memoria. 
Ma non vi disperate, perché il 2017 ci ha regalato diverse alternative abbastanza interessanti, sempre a tema natalizio...ma con sangue, gente cattiva e morte. Tanta morte.
E la cosa mi piace, non so a voi. :D

In mezzo a questi nuovi horror a tema natalizio, tra cui spicca anche Red Christmas che dovrò recuperarmi, c'è questo Better Watch Out, anche conosciuto come Safe Neighborhood, una horror comedy diretta dal semi-esordiente Chris Peckover è che conta volti più o meno noti, come Virginia Madsen (Candyman, The Haunting In Connecticut, etc.) e la giovane Olivia Dejonge (The Visit, Scare Campaign).


Volete sapere la trama del film? Niente di più semplice. All'incirca è identica al cult di Carpenter, Halloween, togliendo il fatto che le vicende di Better Watch Out non sono ambientate durante la notte delle streghe ma alla vigilia di Natale. E non c'è Michael Myers.
Tutto qui.
Ah, oltre al fatto che qua il "bambino" (che in realtà ha tredici anni) prova più volte a portarsi a letto la babysitter durante tutta la durata del film. Ma sono dettagli, no?

Quando mi sono messo alla visione di Better Watch Out avevo aspettative abbastanza alte, sopratutto dopo la visione del trailer, ma premetto subito che non sono state soddisfatte.
Non posso trovare difetti per quanto riguarda gli attori, che qua sono stati uno più bravo dell'altro, specialmente il giovanissimo Levi Miller che interpreta alla perfezione uno dei protagonisti, nonché...beh, meglio che non scrivo altro perché sennò cado in spoiler sconvenienti.

Cosa manca a questo Better Watch Out?
Beh, l'imprevedibilità prima di tutto.
La pellicola infatti inizia come un semplice e decisamente molto canonico home invasion, ma grazie ad un plot twist, Peckover cambia le carte in tavola. Facendo evolvere il film.
Tutto potrebbe anche funzionare, ma non va così. Questo perché il colpo di scena, che di fatto dovrebbe reggere l'intera pellicola, è estremamente prevedibile.
Ciò, per via di determinate azioni che fanno facilmente pensare a due cose: "o i protagonisti sono di una stupidità disumana, oppure c'è sotto qualcosa". Vi lascio decidere quale delle due sia l'opzione giusta.


Un errore piccolo ma abbastanza grave, perciò, da parte del regista, che (forse sarò troppo severo) mi ha rovinato gran parte di Better Watch Out.
Che poi, tutto sommato, non è male per niente.
Le uccisioni sono molto creative, e fanno il verso ai classici natalizi come "Mamma Ho Perso L'Aereo" e compagnia (anche il finale rimanda a questi ultimi), i personaggi sono ben scritti, nonostante siano estremamente sopra le righe (ma in una horror comedy può anche starci), e diverte abbastanza.
Peccato però, anche per gli ultimi minuti, che fanno ricadere il film nel tunnel del "banale".

Piccolo disappunto, inoltre, per il fattore "comedy", che mi aspettavo più presente ma che in realtà latita per buona parte del lungometraggio, per poi mostrarsi a sprazzi in diverse occasioni. Ma anche qua, troppa poca roba.

Non posso perciò nascondere che Better Watch Out mi ha lasciato l'amaro in bocca e mi ha anche leggermente annoiato in determinate scene.
Peccato, perché le premesse per un ottimo film c'erano tutte, ma l'errore relativo al plot twist ha gravemente influito sul mio apprezzamento finale.

Per me, si salva in corner, grazie sopratutto alle ottime prove di tutti i protagonisti e ad alcune discrete trovate.

Sono certo che, guardandolo con poche aspettative, vi potrebbe piacere di più di quanto è piaciuto (poco) a me.

Giudizio complessivo: 6
Buona visione,






Trailer



Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉: