-->

In The Heart Of The Sea



Regia: Ron Howard
Romanzo: Nathaniel Philbrick


Trama iniziale
La giovane speranza della letteratura Hermann Melville insiste di persona affinché l'ultimo sopravvissuto alla tragedia dell'Essex gli racconti quello che
accadde veramente. Dapprima restio, su insistenze della moglie decide di aprirsi e per la prima volta incomincia a narrare gli eventi che gli segnarono la vita. Si imbarcò infatti ancora ragazzino nella suddetta baleniera, che doveva promettere un ricco bottino d'olio. Vuoi la rivalità tra capitano e il primo ufficiale, vuoi la loro imprudenza di allontanarsi più del dovuto, vuoi un capodoglio incazzato grosso come un palazzo, per la fragile nave e la sua ciurma non si prospetta un gran avvenire..


Recensione critica
Che aspettarsi da Howard dopo filmoni come Apollo 13, A Beautiful Mind, Il Codice Da Vinci, Angeli E Demoni e Rush? La prevedibile epopea all'americana. Non mi ritengo deluso del risultato, però ho trovato qualche elemento di fastidio personale, come le facce smunte solo dopo il naufragio oppure la fluente parlantina del primo ufficiale cresciuto in una fattoria. Necessarie esagerazioni su alcuni aspetti a parte, sembra un mix tra la tracotanza de La Tempesta Perfetta, la vita di mare de Master And Commander e le sofferenze interminabili di The Way Back. Sorprendenti invece le analogie della società dell'epoca e quella contemporanea che suscitano profonde riflessioni. La telecamera balla sempre tra un primo piano e l'altro, le scene in acqua riempono il film ma non mi hanno convinto appieno: troppa CGI. Sarei curioso di sapere quante persone si approcciano alla visione pensando di vedere la storia di capitan Hackab e non un fatto reale che segnò le cronache dell'epoca, tanto da ispirare l'opera di Melville. Non mi capacito infine del perché non si sia fatta menzione della sorte dei tre poveretti rimasti nell'isoletta che infatti furono poi salvati.


Consigliato ai nostalgici di racconti epici stile Odissea; sconsigliato a chi soffre di mal di mare


Giudizio complessivo: 7.1
Buona visione e alla prossima,

Bikefriendly




Trailer



Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui ;) :