-->

Old Boy (2003)


Regia: Park Chan Wook


TRAMA

Oh Dae-Su, un uomo trentenne con moglie e figlia, un giorno nel 1988 viene rapito senza apparenti motivazioni e viene tenuto prigioniero in una piccola cella per ben 15 anni. All'improvviso viene liberato e il suo unico scopo sarà la vendetta...

Quentin Tarantino lo definì come "il film che avrei voluto fare", tanto da premiarlo a Cannes con il Gran Premio della giuria presidiata da lui. E come dare torto a Quentin, dato che spesso la vendetta è il motore chiave dei suoi film. 

Ma la vendetta non è tutto, c'è una continua evoluzione nel ricercare la verità, che induce a far scorrere sempre più sangue, quel sangue che non esce solo dalle vene, ma anche dall'animo profondo di chi ne è coinvolto.


Old Boy è il secondo film di una trilogia della vendetta di Park Chan Wook e sebbene possa sembrare un tema verosimilmente già trattato nel mondo del cinema, il regista coreano ci mette del suo nel delineare i personaggi, buttando giù le maschere e sfociando in una tragedia greca.

Se ne percepisce il dolore, la rabbia e la pazzia del protagonista, vivendo nell'angoscia insieme a lui. Quella stessa angoscia che ci fa credere nell'amore sbagliato e controverso.

Una sensazione di asfissia continua in cui, anche se liberi, ci sentiamo ugualmente chiusi e bloccati, e lo percepiamo grazie alla fotografia cupa e ristretta del regista.

Un film nudo e crudo che colpisce come un pugno allo stomaco, un vaso di Pandora aperto che stende tutti, nessuno escluso.

Buona visione,




Trailer



Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉:

     

Nessun commento:

Posta un commento