-->

Glass


Regia: M.Night Shyamalan

Dopo aver ottenuto un buon risultato con Unbreakable ed essere riuscito a collegare ad esso il più recente Split (secondo me casualmente, poiché nel 2000 tutto ciò non era in cantiere), il buon M.Night Shyamalan, regista che non mi fa esattamente impazzire, riesce con Glass a chiudere in maniera dignitosa il suo particolare viaggio all’interno del mondo dei supereroi moderni.

Questo si che era previsto, perché sul finale di Split, con l’incontro tra i due personaggi, era intuibile che ci sarebbe stato un terzo capitolo della “serie”, anche se la cosa subito non mi aveva convinto più di tanto. 

Come previsto il film ruota attorno ai 3 protagonisti, le 3 figure chiave che hanno composto la trilogia, in mezzo alle quali il regista mi pare abbia voluto ritagliarsi una piccola comparsata. E, per i più distratti, sto chiaramente parlando di Mr.Glass, tanto fragile quanto diabolicamente malvagio, di Kevin Wendell Crumb/L’Orda, 23 personalità al servizio della bestia che si nasconde in lui e di David Dunn, decisamente invincibile basta che non gli si chieda di farsi una doccia.

Ma al di là dei personaggi, che funzionano piuttosto bene, ciò che consente di far fare il salto di qualità sono gli attori che ne vestono gli abiti e che salvano letteralmente Shamalalalà dal tonfo annunciato. 


Bruce Willis, anche per via degli sviluppi e del carattere di David Dunn, è quello che risalta meno, ma fa pur sempre la sua parte. Samuel L. Jackson è sempre un grande, non c’è niente da fare, anche se non recita Ezechiele e si trova bloccato su una sedia a rotelle; qui non nasconde certo le sue qualità e si concede pure qualche divertente siparietto ("Convoca l'assemblea interna o come si chiama" rivolto a Crumb). James McAvoy infine si può definire l’MVP della partita, che spero possa regalargli almeno una nomination all’Oscar 2020 perché nei panni de L’Orda riesce veramente a dare il meglio di se, quasi come se il personaggio lo possedesse per davvero. A fare da contorno (ma con ruoli meno secondari di quel che si potrebbe credere) troviamo poi Sarah Paulson nei panni della Dott.ssa, non così convincente come il resto della banda e la brava Anya Taylor-Joy, forse sfruttata troppo poco.


Ora mi chiederete il perché di tutta sta lunga chiosa sui personaggi e la risposta è prontamente servita, perché oltre ad alcune ottime interpretazioni c’è ben poco altro da segnalare. Anzi un’altra cosa degna di nota c’è e sono le scene d’azione e di combattimento con presenza della Bestia, davvero ben realizzate anche se nel complesso la sua figura appare meno inquietante rispetto a Split, dove solo a vederlo ti si drizzavano i peli presenti ove non batte il sole.


Oltre a questo, un po’ tutto il film perde il fascino della novità, dà l’impressione di qualcosa di già visto e in alcuni frangenti risulta pure tendente al noioso (vedi parte centrale con interrogatorio dei 3 nella stessa stanza).

L’impressione poi è che Shyamalan, cercando di manifestare il suo concetto di supereroe (in un momento dove di supereroi ne abbiamo fin sopra i capelli, almeno per quanto mi riguarda) si perda per strada alcuni pezzi di sceneggiatura, confezionando quindi un lavoro che appare poco legato e in alcuni momenti un pelo forzato.

Anche il finale non convince del tutto, troppo frettoloso, con una spiegazione di cui forse non si sentiva il bisogno e con la faccenda della divulgazione via internet che non so quanto possa considerarsi un’idea degna di quel genio di Mr. Glass. Certo meglio così che se fosse finito semplicemente con SPOILER la morte dei 3 FINE SPOILER, ma a fine visione lascia un po’ l’amaro in bocca.

L’intrattenimento tuttavia è discreto ed abbastanza continuo e consente di godere sufficientemente del film, nonostante le mancanze sottolineate poco sopra. Certo per i capolavori si necessita di citofonare altrove (e soprattutto meglio citofonare ad altri registi mi verrebbe da aggiungere).

Giudizio complessivo: 6.5
Enjoy,



Ps. qui trovate un'altra recensione al film!

Trailer



Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉:

     

Nessun commento:

Posta un commento