-->

Black Mirror (Stagione 4)




AUTORE: Charlie Brooker
STAGIONI: 4/4
EPISODI: 6 da 40 a 75 min.
ANNO DI USCITA: 2013 -?
TEMPO TOTALE DI VISIONE: 5 ore e 40 minuti

Dopo mesi e mesi d’attesa, è finalmente uscita sulla piattaforma streaming Netflix, la quarta stagione di Black Mirror. Sei nuove storie, ciascuna diversa dall’altra, ma con un unico elemento in comune: la tecnologia. Questa volta voglio provare a fare qualcosa di diverso rispetto agli altri commenti delle precedenti stagioni, perciò farò una vera e propria recensione di tutti i capitoli di quest’ultima. 

Cominciamo dal primo episodio USS CALLISTER, che praticamente è un mini film, poiché dura ben 75 minuti. I rimandi a Star Trek si notano già dai primissimi minuti e le atmosfere anni 80 si notano e non poco. Un ottimo episodio d’apertura, a parer mio, il più leggero dell’intera serie, poiché è presente una forte componente comica, cosa che da una serie come Black Mirror non ti aspetteresti, ma che non ingombra. 



Passiamo poi ad Arkangel, episodio diretto da Jodie Foster, questa volta dai toni più realistici e drammatici, ma che è anche tra i più difettosi della stagione, ma non per questo meno bello, anzi, possiede anche una storia molto interessante, il problema è però il suo sviluppo un po' frettoloso. 



Crocodile invece è quell’episodio che ti lascia con l’amaro in bocca, poiché è un thriller sanguinolento ed angosciante, con un finale alla Black Mirror che ti lascia col fiato sospeso; in poche parole, uno dei più belli della stagione



Come per la terza, anche questa ha il suo momento d’amore, e Hang The DJ è tra le più belle love story che abbia mai visto. Dai toni assai distopici, quest’episodio entra direttamente a far parte dei miei preferiti dell’intera serie. 



Passiamo adesso al penultimo, Metalhead, un survival horror fantascientifico in bianco e nero che, ahimè, non mi ha fatto impazzire, per via di una certa banalità e povertà che ne ho riscontrato. 



Infine, l’episodio più bello di questa quarta stagione: Black Museum, altra storia dai toni horror, che cita anche in più di un’occasione le precedenti. 69 minuti di pura angoscia all’interno del museo più folle e malato che abbia mai visto. 



In conclusione, seppur con i suoi difetti, seppur con i suoi difetti, si è rivelata essere una stagione molto valida, nonostante sia la più leggera. 


VOTO USS CALLISTER: 8,5 
VOTO ARKANGEL: 8- 
VOTO CROCODILE: 9- 
VOTO HANG THE DJ: 9 
VOTO METALHEAD: 7 
VOTO BLACK MUSEUM: 10 

Giudizio complessivo:
Buona visione,




Trailer



Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉: