-->

Avengers: Infinity War


Regia: Joe Russo, Anthony Russo


Recensione 1

TRAMA

Gli Avengers, formidabile gruppo di supereroi che hanno ripetutamente salvato il nostro pianeta, non stanno passando esattamente un bel periodo: difatti sono divisi da dentro, chi è dalla parte di Tony Stark (Iron Man) e chi è dalla parte di Steve Rogers (Capitan America). Dovranno però cercare di lasciarsi alle spalle i loro conflitti per fronteggiare Thanos, il pazzo titano che cercherà di conquistare le gemme dell’infinito, che gli servono per realizzare la sua missione, ovvero sterminare metà dell'universo. Gli Avengers quindi dovranno mettere assieme tutte le forze necessarie per contrastare il titano viola…

RECENSIONE

10 anni, lunghissimi direi, per arrivare a ciò: centro commerciale e cinema in esso PIENI, con tantissime persone con magliette dedicate al mitico MCU, fra cui vi ero pure io. Nella mia esperienza, c’erano persone che non conoscevo che mi salutavano dato che avevamo la stessa maglia. Raccontandovi questo aneddoto, voglio farvi capire quanto questo film fosse stato venduto benissimo, e quanto effettivamente la gente li aspettasse, con aspettative altissime per giunta. Ma è davvero ciò che tutti noi aspettavamo da anni? Sono lieto di dirvi che la risposta è SÌ. E ne sono anche felice, dato che l’ultima non che prima recensione su questo blog che avevo fatto era sul peggior film del 2017, vincitore di 4 Razzie, Emoji. Buffo vero? 

Tralasciando le battute, questo film gode di tantissimi pregi e pochi difetti, che, fidatevi, non condizioneranno per nulla la vostra visione. Prima vi parlerò del film senza spoiler, invece dopo inserirò una quantità di spoiler tale da essere l’ideale per fare lo scherzo più str*nzo del secolo ai vostri amici. 

Tecnicamente parlando, come ogni film del MCU, gli effetti visivi sono davvero tantissima roba, ed alcuni nuovi costumi sono davvero azzeccatissimi, eccezion fatta per quello di Iron Man che non mi ha convinto moltissimo. Ha qualche problema nella regia, che a tratti non rende scorrevolissimi i combattimenti. Questo film mostra anche alcuni scenari inediti, con anche pianeti nuovi, dei quali uno ci tornerà utile nella parte spoiler. Ciò che però colpisce del film è una sceneggiatura davvero forte, che funziona alla perfezione quando eroi che non si erano mai incontrati prima devono interagire. La trama è molto semplice, vi avverto, ma del resto è difficile trovare cinefumetti mindfuck. Nonostante la sua semplicità, questa storia rimane godibilissima e parecchio scorrevole, anche se il film dura poco più di 2 ore e mezza. La gestione dei numerosi personaggi è ottimale, anche se, ovviamente, c'è chi brilla e chi stecca un po', ma parleremo pure di questo. Per concludere la parte senza spoiler, parliamo di Thanos, il miglior villain nella storia dei cinecomics e, perché no, nella storia del cinema dell' ultimo millennio. È un cattivo affascinante come pochi, con una sua nobiltà distorta ma non irrazionale, che ha inoltre, secondo me, una poesia tutta sua, che lo rende interessante agli occhi del pubblico. Un personaggio qualsiasi, per risultare più accattivante, deve avere caratteristiche più caratteriali contrapposte tra loro, che possano anche creare in alcuni casi conflitti interiori: vi ricordate Malekith di Thor: The DarkWorld o il Calabrone di Ant-Man? Se non ve li ricordate, posso capirvi, dato che sono meno profondi di una pozzanghera. Il pubblico, nel corso degli anni, e fra il pubblico mi ci metto pure io, ha continuato a definirli fra i peggiori villain del MCU, data la mancanza di caratteristiche che invece, cattivi come Loki o Killmonger e Thanos, possiedono eccome. In verità, Thanos è il vero protagonista di questa pellicola, e ciò è inedito per ogni cinefumetto. 

Io ho reso il più possibile esaustiva la parte NO SPOILER, ma adesso, devo passare alla parte successiva, ovvero la parte con SPOILER, quindi, in caso non abbiate ancora visto il film, non proseguite con la lettura di questa recensione e correte subito a vedere questo filmone!

Finalmente, SPOILER! Posso finalmente parlarvi senza freni, e davvero, non so da cosa iniziare. Partiamo dal fatto che il film comincia subito a far capire al pubblico che sarà un film diverso da tutti gli altri, con Thanos che massacra di botte Hulk e, specialmente, uccide Loki, personaggio a cui ci eravamo tutti affezionati. Capiamo fin da subito la potenza di Thanos, e sentiamo fin da subito un senso di irreversibile, il senso che accadranno tante cose brutte ai nostri beniamini. E difatti queste cattive cose accadono, ed in sala si soffre come dei cani. Parlando di pianeti nuovi, volevo citarvi la scena in cui Thanos ottiene la gemma dell'anima sacrificando Gamora, scena che secondo me è la più bella del film, dato che si mostra un lato bellissimo di Thanos, un lato più sentimentale. 

Parlando dei nostri eroi, di chi brilla di più e chi meno, sono rimasto in generale un po' deluso da due personaggi, ovvero Hulk, che si vede pochissimo data la vergogna per la batosta subita contro il titano viola, e T'Challa aka Pantera Nera, che si vede generalmente poco. Sono rimasto invece colpito da Scarlet Witch ed in particolare da Thor, che in questo film sembra proprio un MVP. Per carità, anche gli altri personaggi generalmente sono fatti molto bene, ma su tutti ho scelto di citare Scarlet Witch che per ora era passata sempre in sordina, e Thor, che in assoluto è il migliore. Infine, voglio parlare del finale, che sicuramente avrà segnato le vostre esistenze: mamma mia, che finale! Il finale per quanto mi riguarda è da pelle d’oca; Spidey che piange e stringe Tony Stark è da urlo, ed in generale,vedere metà dei nostri eroi che scompaiono dopo il famigerato schiocco di dita di Thanos, non può lasciare nessuno indifferente. Tanti si sono lamentati della drammaticità di questo film, però, onestamente, credo sia meglio avere un prodotto del genere che non una cosa alla Thor: Ragnarok. FINE SPOILER

In conclusione, è un film epocale, che corona al meglio 10 anni fantastici di MCU, che riesce ad unire tanti film alla perfezione, e che riesce anche a far vedere una velata nota ironica dei personaggi, che in questi 10 anni si è quasi sempre fatta vedere. Attendiamo con religiosa attesa Avengers 4, che vedrà ancora Thanos come antagonista (del resto, secondo me, è giusto spalmare un villain così cazzuto su due differenti film), e, specialmente, attendiamo con ansia il secondo film di Ant-man (che nel film non si vede, come Occhio di Falco e come il Winterfalcon ) e specialmente il film su Capitan Marvel, che avrà un ruolo decisivo in Avengers 4. 

Descritto in una sola parola: E P O C A L E.

Giudizio complessivo: 9.5
Enjoy,




Recensione 2

10 anni, 19 film, 15 miliardi di dollari e un'enorme fanbase composta da un pubblico estremamente omogeneo di donne, uomini, bambini, ragazzi, adulti e anziani; insomma la Marvel con il suo MCU ha dato vita ad un fenomeno cinematografico senza precedenti che sembra non voler diminuire ma che invece non fa altro che espandersi sempre di più di anno in anno, soprattutto nel box office americano e mondiale dove continua ad infrangere records su records tanto da creare quasi un monopolio economico mentre la controparte DC, per quanto io la apprezzi, resta inerme a guardare con grande invidia.

Tutto questo immenso lavoro per arrivare a questo punto, per arrivare a questo immenso, imponente ed epico, nonché emozionante, dark e, per quanto difficile possa sembrare, anche profondo film; tutti questo per arrivare ad Avengers: Infinity War.

Un film atteso, come già detto, da dieci anni e da un vastissimo numero di fan e non solo, che aveva il compito di riuscire a riunire tutti i supereroi Marvel fino ad ora cinematograficamente conosciuti, a legare i vari film, a dare una specie di conclusione, che poi verrà maggiormente concretizzata nel quarto, a questo articolato e complesso schema che è l'universo espanso Marvel, e soprattutto riuscire a, per lo meno, soddisfare le grandissime aspettative cresciute insieme a questo universo.

Per fare tutto ciò Joss When, dopo aver realizzato Avengers e Avengers: Age of Ultron, viene sostituito da due fratelli, Joe e Anthony Russo, già registi degli ultimi due capitoli della trilogia dedicata a Steve Rogers aka Captain America, ovvero Captain America: the Winter Soldier e Captain America: Civil War

I due registi sono riusciti a dare al film un cuore e un'anima, si riesce a percepire in ogni inquadratura, sequenza e dialogo l'amore da parte loro e di ognuno degli attori presenti nel film che hanno investito in questo progetto e, soprattutto, in questo film.

Inoltre sono riusciti a dare ad Infinity War probabilmente ciò che ha davvero contraddistinto questo a tutti gli altri film Marvel, ovvero un villain quasi perfetto, Thanos, un cattivo che nel suo io non crede di esserlo perché spinto da una motivazione vera, tangibile e comprensibile, un cattivo che è capace di provare sentimenti oltre alla rabbia e alla voglia di distruzione, un cattivo con il quale lo spettatore quasi riesce a legare perché per quanto immorale e spietato possa essere è anche quasi comprensibile, un villain che non ha solo la caratteristica di essere tale ma che ha diverse sfaccettature, diverse sfumature e diverse ragioni che lo spingono, quasi contro la sua volontà, ad essere tale, insomma un villain estremamente complesso, caratterizzato in maniera esemplare e che segna un vero punto di forza e svolta all'interno del MCU; se c'è qualcosa che manca in ognuno dei precedenti film che fanno parte di questo universo è proprio la presenza di gran bel cattivo, assolutamente non piatto né dimenticabile, ma che si dimostra una vera e propria sfida per gli eroi protagonisti. 

Inoltre viene interpretato con grande credibilità da uno straordinario Josh Brolin, che vedremo presto anche nei panni di Cable nel sequel di Deadpool, che si immerge totalmente nel personaggio e riesce ad essere degno del suo intenso e davvero complicato ruolo. 

I Russo colpiscono il pubblico, inoltre, con un equilibrato e ben calibrato alternarsi di momenti ironici con altri più dark, di momenti più emozionati e commoventi con altri più sensazionali e dal fortissimo impatto visivo. Sono riusciti anche nel dare il giusto tempo ad ogni personaggio, forse uno dei compiti più difficili dato il grande numero di essi e la durata di "solo" due ore e mezza. 

Praticamente sono riusciti a far funzionare un film non difficile, quasi impossibile da realizzare, hanno fatto un lavoro che entrerà, se non lo ha già fatto, nella storia del cinema, che verrà studiato nelle scuole di cinema e che fungerà da esempio per molti altri film. 

Niente di questo film non è nel posto giusto o non funziona, in particolar modo se considerato l'aspetto tecnico che davvero risulta essere un vero e proprio trionfo: gli straordinari effetti speciali, estremamente credibili e realistici nonostante la loro quantità davvero abbondante, soprattutto nella realizzazione di Thanos danno il meglio di sé; una regia, come già detto, impeccabile; una fotografia estremamente suggestiva ed emozionante, con dei colori davvero sensazionali; una colonna sonora incisiva, rumorosa, perfettamente contestualizzata e che dà il giusto tono e la giusta atmosfera all'intero film; ed un montaggio perfetto in ogni sequenza.

Un film indimenticabile, impossibile per un fan da vedere in maniera oggettiva perché va a toccare le emozioni che si sono formate nel corso di questi dieci anni, un film immenso, estremo, epico e potrei continuare per molte righe attribuendogli i migliori complimenti per un blockbusters di queste dimensioni. 

Ma soprattutto per quanto mi riguarda è un film che è riuscito a risvegliare in me quel grandissimo fan che è cresciuto con questo universo e che negli ultimi film si era perso perché demoralizzato dalla ripetizione e dallo stallo creatosi all'interno del MCU, non che fossero dei brutti film, soprattutto l'ultimo Black Panther ma che stavano cominciando a ripetersi nella struttura e nella trama. Quindi non posso che essere più che contento di questo Avengers: Infinity War, un film che ha tutto quello che mancava agli altri Marvel movie

Giudizio complessivo: 9.5
Buon divertimento,




Recensione 3

AVENGERS: INFINITY WAR, l’evento cinematografico più atteso dell’anno, è finalmente arrivato. Il film per cui il MCU ci ha preparati per ben 10 lunghissimi anni (quando uscì il primo Iron Man nel 2008 io avevo solamente 4 anni, ed il primo film della Marvel che vidi al cinema fu il primo Avengers, pensate un po’), è quanto di più bello, divertente ed affascinante che abbia mai creato. 

Lo dico adesso così mi levo il pensiero: AVENGERS:INFINITY WAR È UN CAPOLAVORO! È seriamente uno dei più bei Blockbuster che io abbia mai visto, nonché il miglior film dei Marvel Studios. Tutti, o meglio, quasi tutti i nostri eroi uniti contro un’unica minaccia: Thanos, il cosiddetto “Titano Pazzo”, che per tutto il film andrà alla ricerca delle famose Gemme dell’infinito, che gli daranno il potere di regnare sull’universo e di diventarne l’essere più potente. Partiamo subito col dire che Thanos è il miglior villain che sia mai stato creato in un film di questo genere, perché se il più grande difetto di tutte le pellicole della Marvel, è di creare dei cattivi più simili a delle macchiette e con delle motivazioni per quello che fanno, banali e talvolta senza senso, esso è talmente ben scritto, approfondito, caratterizzato e, soprattutto, umanizzato, da farti quasi empatizzare con lui, facendolo quasi diventare il vero protagonista della pellicola e, diciamocelo, alcune delle scene più belle del film sono proprio dovute alla sua presenza, e i suoi dialoghi sono di una profondità quasi poetica, che non ti aspetteresti in un film come questo. Se poi al tutto ci aggiungiamo anche la superba interpretazione di un Josh Brolin ricoperto dalla Motion-Capture, allora abbiamo la perfezione fatta villain.


La regia dei fratelli Russo è impeccabile, soprattutto quando entrano in gioco le numerosissime e spettacolari scene d’azione che riempiono tutte le 2 ore e mezza di durata, che sono accompagnate da dei movimenti di macchina rapidi, ma che non rendono queste date scene confuse e difficili da seguire. Gli effetti visivi sono qualcosa di pazzesco, così come anche la fotografia, coloratissima e che è una vera gioia per gli occhi, e le musiche di Alan Silvestri, che riprendono il tema classico degli Avengers, mescolandolo anche a quello degli altri film. 

Abbiamo tre storyline diverse: quella legata ai Guardiani della Galassia (i meglio usati della pellicola), Iron Man, Spider-Man e Doctor Strange, quella di Captain America, Black Panther, Thor (POSSIBILE SPOILER, che inizialmente fa parte della prima) e Visione, ed infine quella di Thanos.

Questo film ha un solo difetto, ovvero quello di affidare poco spazio a certi personaggi, ad esempio, tutta la faccenda di Wakanda legata a Black Panther, è sviluppata un po’ male, e l’eroe compare troppo poco. Capisco però che abbiano dovuto ridurre un po’ le presenze di alcuni personaggi, anche perché altrimenti ne sarebbe venuto fuori un film di almeno 3 ore. 


Per il resto, Avengers: Infinity War si è rivelato essere un grandissimo film d’intrattenimento, che ha tutte le carte in tavola per entrare direttamente nella storia del cinema e, l’attesa per il quarto capitolo, dato il finale bastardo ma allo stesso tempo geniale della pellicola, non sarà per niente facile. Preparatevi, voi che non l’avete ancora visto, perché sarà qualcosa di epico e difficilmente dimenticabile. 

Giudizio complessivo: 9.6 
Enjoy, 



Trailer




Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉: