-->

Culo e Camicia


Regia: Pasquale Festa Campanile


Nel ventennio 70/80 le commedie italiane ad episodi sono state una miriade e per ricordarle tutte ci vorrebbe lo stesso tempo libero di un ergastolano, ma tra le migliori possiamo ricordare Occhio Malocchio Prezzemolo E Finocchio, Rimini Rimini e Zucchero Miele E Peperoncino.

Nel 1981 il patriarca della commedia “pozzettiana” Pasquale Festa Campanile dirige questa semi – sconosciuta pellicola divisa in due segmenti: “Il Televeggente” e “Un Uomo, Un Uomo E…..Evviva Una Donna!”.

I protagonisti di tali episodi sono due mostri sacri della commedia italiana romano-lombarda: Enrico Montesano & Renato Pozzetto.

Le due parti non hanno assolutamente nulla in comune (a parte Pasquale Festa alla regia) e anche il tipo di umorismo è completamente diverso.


Nel primo episodio, "Il Televeggente”, Montesano interpreta un assistente montatore di una TV privata romana con il sogno di diventare giornalista e di conquistare l’amata collega Ornella….ma i suoi problemi di balbuzie causeranno non pochi danni, finché un suo vecchio amico….


Episodio deboluccio, che fa sorridere in più punti grazie alla verve der mitico Pomata ma che pecca in una sceneggiatura senza troppi spunti comici.

Con Montesano ci si aspetta molto di più (mitico nei panni del cameriere in Grand Hotel Excelsior, con il “terribile” compagno di giochi Adriano “sempre più molleggiato ed amante di se stesso” Celentano).

In una scena il conte Tacchia recita la battuta “Sto giornale esce dopodomani!”, citazione da Avvenne Domani, film del 1944 di René Claire (che poi verrà citato anche da Max “Cipollino” Boldi nel 1996 in A Spasso Nel Tempo).

Non oltre la sufficienza. 
Giudizio: 6


Nel secondo episodio, “Un Uomo, Un Uomo E….Evviva Una Donna”, si cambia musica!

Pozzetto interpreta Renato, un casalingo omosessuale milanese che vive insieme al compagno Alberto Maria (un eccezionale Leopoldo Mastelloni) importante stilista di moda.

Tutto procede per il meglio nella vita dei due, finché Renato non incontrerà la bella fotografa Ella, della quale lentamente si innamorerà (una sorta di “vizietto”, caratteristica che aveva anche Tognazzi nell’omonimo film del ’79).

Episodio strepitoso, scritto da Pozzetto, che tratta con grande intelligenza e cinico umorismo un tema attualissimo.

Innumerevoli le scene da morire dal ridere: il sudore freddo al ristorante, le bretelle nel bagagliaio, l’indimenticabile scena del Tango delle capinere (dove Pozzetto e Mastelloni ballano vestiti uno in un elegantissimo smoking ed uno in vestaglia con movenze che neanche Leo Di Caprio sotto cocaina al suo matrimonio in The Wolf Of Wall Street faceva), l’immancabile esclamazione/bestemmione sottile “Eh la Madonna!”, la scena nella macchina….



Uno dei film più attuali di Pozzetto, secondo solo a Nessuno È Perfetto (citazione della mitica battuta di Osgood nel finale di A Qualcuno Piace Caldo), nel quale il buon Renato si innamorava di una misteriosa ragazza (Ornella Muti) che, prima di una delicata operazione, si faceva chiamare Mario!

Grande anticipatore dei tempi Pozzetto, che anticipò anche l’uso, ormai quotidiano, delle bestemmie in Sono Fotogenico, con la mitica cena condita dai “Codio”.

Episodio consigliatissimo, da vedere per farsi due risate su un tema del quale si riesce difficilmente a ridere senza l’uso di volgarità (il segmento “Il matrimonio” in Manuale D’amore 2 con la coppia Albanese – Rubino riprende molto l’atmosfera di questo, soprattutto nell’interpretazione).

Giudizio:8 


Due episodi diversissimi, uno riuscitissimo e l’altro così così, che fanno ridere soprattutto per la presenza di due mattatori un formissima.

Misteriosamente, al contrario di film del genere come Ricchi Ricchissimi….Praticamente In Mutande, Aragosta A Colazione e Roba Da Ricchi, scomparve dalla circolazione e ancora oggi non appare mai sulle reti Mediaset (e Iris il sabato sera è occupato esclusivamente dai vari Villaggio, Banfi, Pozzetto)…..Mah (sarà per il tema del secondo episodio? I don’t known ma spero di no!).

CONSIGLIATO AGLI AMANTI DELLA COMMEDIA ITALIANA E A CHI VUOLE RIDERE CON GRANDE INTELLIGENZA E SENZA VOLGARITÀ SU UN TEMA DELICATO COME L’OMOSESSUALITÀ (la rima mi è uscita di mia spontanea volontà....azz ma allora c’è qualcosa che non và...)

Giudizio complessivo: 7
Buona visione,






Trailer



Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉: