-->

Chiamami Col Tuo Nome


Regia: Luca Guadagnino

Ammetto di non essere un fan di Luca Guadagnino, poiché ho solamente visto il suo A Bigger Splash e non mi aveva fatto impazzire, anzi l’ho trovato anche abbastanza noioso. Devo invece ricredermi con la sua ultima opera cinematografica Chiamami Col Tuo Nome, e devo dire che qui si è veramente, ma veramente superato!

Candidato a 4 premi Oscar, è la storia d’amore tra Elio (Timothèe Chalamet) ed Oliver (Armie Hammer). Coloro che non se ne saranno informati ne tantomeno avranno visto il film, leggendo questa recensione staranno sicuramente pensando “Oh che schifo il solito film sui gay!!!”; Ebbene ragazzi, vi assicuro che è molto più di questo, perché non è solo l’amore tra i protagonisti il fulcro della pellicola, ma bensì l’amore in generale (o perlomeno, io l’ho interpretato così).


È una storia che si sviluppa molto lentamente, però non è quella lentezza che ti fa venir voglia di alzarti dalla poltrona alla quale sei seduto e di uscire sbadigliando dalla sala, anzi, ti coinvolge sempre di più man mano che si va avanti, non facendoti nemmeno accorgere dei suoi 130 minuti di durata. 

Fantastici gli scenari che ritraggono il verde paesino di campagna situato vicino Crema, dove sono state girate gran parte delle riprese; altrettanto lo sono la fotografia e la regia di Guadagnino, che ci dimostra in più di un’occasione che con la macchina da presa ci sa fare (non a caso si è beccato la candidatura agli Academy).


Ma la vera ciliegina sulla torta sono le musiche, stupende e maestose a dir poco, soprattutto il brano Mystery of Love (candidato anche come miglior canzone, e che c’ho in testa da una settimana, tant’è che quasi quasi lo metto al posto di This Is Me come pronostico, o anche insieme, dato che sono stupendi entrambi). 

Meraviglioso è anche il monologo finale del padre di Elio, molto bello e significativo. Toccante, leggero, commovente e poetico, Chiamami Col Tuo Nome è un piccolo capolavoro da vedere tutto d’un fiato, che è riuscito a portare una ventata d’aria fresca al cinema italiano, divenendone uno dei migliori che abbia mai visto. 

Se proprio devo trovargli un difetto, è qualche scenetta un pelino esagerata (quella della pesca ad esempio), ma per il resto, FILMONE!

Giudizio complessivo:
Buona visione, 






Trailer



Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉: