-->

Hell And Back



Regia: Tom Gianas, Ross Shuman


Remy, Curt e Augie sono tre amici che lavorano in un vecchio parco giochi semi-abbandonato. Remy, dopo essere andato a casa di una chiromante che abita li vicino, prende da casa sua un libro sul demonio e fa fare uno stupido giuramento a Curt che, noncurante delle possibili conseguenze, infrange il patto.

E finisce all’Inferno.

Remy e Augie dovranno così scendere nelle viscere dell’Inferno alla ricerca del loro amico e per salvarlo avranno bisogno di Orfeo, esperto nel salvataggio di anime umane dall’Inferno.


Allora, partiamo col dire che questo film mi è piaciuto davvero tanto, specialmente da un punto di vista visivo. Il film infatti è girato interamente in stop motion e riesce a rendere in modo molto buffo e colorato l’Inferno, facendolo sembrare tutto tranne che inquietante. I personaggi sono sproporzionati ed eccessivi e sono soprattuto sboccati e volgari. Il film infatti è pieno zeppo di allusioni sessuali più o meno esplicite, unite a tonnellate di parolacce spesso fuori contesto ma…hey…siamo all’Inferno!

I personaggi sono uno dei punti di forza del film: Remy è un ragazzo snob e viziato; Augie è quello timido ed introverso; Curt è il biondino strafottente e maleducato; il Diavolo è afflitto da una mancanza di creatività ed innamorato follemente di un angelo che non lo considera; Orfeo è un malato di sesso ed egocentrico; i vari demoni sono ognuno diverso dall’altro ma tutti dotati di senso macabro dell’ironia verso le povere anime penitenti.

Insomma, ogni personaggio riesce a divertire anche se a volte il limite è davvero un po’ alto e qualcuno potrebbe trovarlo fastidioso ed offensivo (Orfeo racconta di quando viene stuprato da un albero e a riguardo canta un allegra canzoncina molto esplicita). I temi trattati dal film sono infatti molteplici, dal sesso nudo e crudo allo stupro, passando per religione, politica, razzismo e misoginia. 

Insomma, questo film non è forse il miglior prodotto di animazione per adulti presente sul mercato ma comunque un simpatico modo di passare un ora e mezza tra demoni e diavoletti. Consigliato a coloro che riescono a farsi piacere l’ironia anche se eccessiva e spinta.


Giudizio complessivo: 7
Buona Visione,

Stefano Gandelli



Trailer



Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui ;) :