-->

Justice League


Regia: Zack Snyder

RECENSIONE 1

Finalmente!

Ogni volta che esce un Blockbuster importante, questa parola viene da me ripetuta in modo spontaneo, quasi involontario. Questo perché il mondo dei Blockbuster è un mondo fatto di grandi attese, dalle quali derivano poi, aspettative e speranze non indifferenti. Perciò è anche un mondo fatto di sorprese ma, purtroppo il più delle volte, di delusioni.

Justice League, film atteso con grande trepidazione dal sottoscritto e da milioni di fans della DC, dei fumetti e dei supereroi in generale, non riesce a "schivare" questo triste destino e si tramuta nell'ennesima insoddisfazione.

Si tratta comunque di un film gradevole, con la giusta dose d'azione ben diretta e di effetti speciali realizzati in maniera pregevole, che assicura parecchio intrattenimento.

Ma da un film sulla JL, ovvero l'equivalente degli Avengers, era lecito aspettarsi molto di più: molta più passione, emozione, epicità ma sopratutto mordente. 

Il problema più grande è lo stesso che più o meno caratterizza anche tutti gli altri film dell'universo DC, a parte Wonder Woman, ovvero quello relativo ad una sceneggiatura molto debole e piena di buchi; purtroppo in questo caso si avverte di più a causa degli ingenti tagli che la Warner, con la collaborazione di Joss Whedon, ha scelto di eseguire dopo l'abbandono, per motivi familiari, di Zack Snyder verso la fine delle riprese.

Il film dalle 2 ore e 50 minuti annunciati inizialmente viene ridotto ad una "misera" durata di appena 2 ore, durata inusuale per un film del genere; ciò rende la narrazione molto superficiale e sbrigativa, trascura personaggi, in particolare le caratterizzazioni dei comprimari, e diverse spiegazioni, e questo influisce parecchio riducendo il livello di coinvolgimento da parte del pubblico. 


Whedon ha inoltre ritoccato qualche dialogo rendendolo un po' più comico, tipica influenza Marvel, e meno serioso, come un po' tutto il resto del film, soprattutto l'atmosfera, che comunque rimane molto dark e personalmente continuo a preferirà a quella più irriverente della Marvel.

Comunque qui questa influenza portata da Joss Whedon, è sì percepibile ma non invadente o ridondante anche perché ben contestualizzata, affidando buona parte delle battute al personaggio di flash, ed Ezra Miller riesce a gestirle abbastanza bene, a parte per alcuni momenti nei quali risultano un po' di troppo.

Tra gli altri personaggi spicca Wonder Woman, nuovamente interpretata dalla splendida Gal Gadot, soprattutto dopo il boom del film a lei dedicato che le ha permesso di distinguersi e mettersi in primo piano, tanto che qui assume il ruolo di vera protagonista accanto al Batman di Ben Affleck che continua a convincermi in particolar modo nella parte del miliardario Bruce Way che si nasconde dietro la celebre maschera, anche se i livelli raggiunti da Christian Bale, attualmente il miglior Batman in assoluto, sono davvero molto distanti.


Per quanto riguarda Acquaman, purtroppo è stato molto trascurato, ma già da questo primo "assaggio" deduco che il suo film potrebbe essere qualcosa di mai visto e per questo sempre più interessante, sempre che poi non commettano qualche pasticcio, e poi che vi devo dire...Jason Momoa fa sempre la sua sporca figura. 

Mentre Cavill nei panni di Superman mi ha convinto a dovere così come aveva già fatto nei precedenti "Man of Steel" e "Batman Vs Superman", un ruolo che gli calza a pennello e nel quale lui, attraverso le sue discrete doti recitative, si muove perfettamente. 

Il villan di turno risulta abbastanza mediocre e anonimo ma ormai è così in quasi tutti comic movies, per tornare all'ultimo villan degnamente trattato e caratterizzato bisogna arrivare al Joker, personaggio che oramai tutti noi conosciamo. 


Nonostante del suddetto ritocco di Whedon, nel corso del film ho apprezzato numerosissime sequenze e inquadrature dirette da un regista, Snyder, che all'estetica tiene molto e che come in ogni suo film riesce a stupirmi attraverso di essa: la fotografia suggestiva che fa dei colori e della luce mezzi indispensabili per rendere sempre più sensazionali le varie scene nonché per dare al film un po' di personalità che non guasta mai.

Molto buona anche la colonna sonora incalzante e roboante ma la mancanza Hans Zimmer si sente un po'.

Per concludere da grande fan sia della DC che della Marvel, ho apprezzato il film: mi ha molto divertito ed intrattenuto ma dalle due Major ora, dopo tutto questo tempo e tutti questi film, mi aspetto ed esigo un maggiore sforzo e una maggiore concentrazione per riuscire a sfornare qualcosa di nuovo e superiore a tutto ciò che abbiamo già visto, soprattutto dal punto di vista narrativo.

Giudizio complessivo: 7-
Buon divertimento,





RECENSIONE 2

Dopo il grande successo di Wonder Woman, film completamente basato sull’eroina più famosa del mondo, è arrivato il momento di assaporarci la riunione tanto attesa, di tutti (o quasi) gli eroi di questo nuovo universo DC; ma la vera domanda è… Justice League si è rivelato essere un film valido e all’altezza delle aspettative?

Assolutamente SÌ!

Nonostante si noti il forte intervento subito da Joss Whedon, regista dei due film sugli Avengers per la Marvel, entrato a far parte della produzione dopo l’improvviso abbandono (per tristi motivi) di Zack Snyder, non si può negare che quest’ultimo stavolta abbia fatto super centro, regalandoci un film che è finora il più bello e divertente della DCEU (sempre secondo la mia personalissima opinione).

Il cast è in ottima forma; ritroviamo Ben Affleck ad interpretare il nostro uomo pipistrello preferito, Gal Gadot, che ogni volta che indossa il costume da Wonder Woman, mi fa impazzire e non poco (e non parlo solamente della fantastica interpretazione dell’attrice), e tre new-entry (di cui abbiamo già avuto un piccolissimo assaggio in Batman V Superman) ovvero Ezra Miller a ricoprire il ruolo di Flash, che rimanda letteralmente a casa quello della serie tv, Jason Momoa (o Khal Drogo se preferite) in quello di Acquaman e Ray Fisher ad interpretare Cyborg; tutti personaggi caratterizzati benissimo e che ho adorato alla follia.


Vari personaggi di contorno molto notevoli, sono Jeremy Irons che è di nuovo Alfred, J.K Simmons che ricopre il ruolo del commissario Gordon, personaggio fantastico ma che avrei voluto vedere molto di più, considerato che compare solamente in due scene (magari ce lo ritroveremo in The Batman, chissà), ed Amy Adams, ovvero Loise Lane.

Due menzioni speciali vanno alle musiche di Danny Elfman, compositore di fiducia di Tim Burton, che sono bellissime e riprendono anche i SUOI temi classici, utilizzati nei film di quest’ultimo (ovviamente di Batman), e ai tanti effetti visivi, che sono molto di livello, ad eccezione della CGI del villain, Steppenwolf, personaggio leggermente piatto da cui mi aspettavo sinceramente di più (ma ormai ci siamo abituati a cattivi così, in film di questo tipo), che non mi ha fatto particolarmente impazzire.


Certamente non è un film perfetto, poiché è presente un altro elemento che mi ha fatto storcere un po' il naso, un uso un tantino eccessivo dello slow-motion, ma sono sicuro che a chi conosce lo stile di Snyder, non darà fastidio.

In conclusione, è un film scanzonato e divertentissimo, la cui eccessiva serietà che inondava i primi due film, è andata a farsi completamente benedire. Amanti degli eroi DC, non lasciatevi sfuggire Justice League.

Giudizio complessivo: 8+ 

Mentre nella mia speciale classifica per quanto riguarda i film DCEU troviamo:

5 posto – Suicide Squad, voto: 6
4 posto – Batman v Superman, voto: 7
3 posto – Man Of Steel, voto: 7.5
2 posto – Wonder Woman, voto: 8-
1 posto – Justice League, voto 8+


Buona visione, 



Trailer



Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui 😉: