-->

The Visit



Regia: M. Night Shyamalan


Tempo sprecato, come diceva Carmen Consoli, ma in questo caso è proprio così, non ci sono davvero validi motivi che mi spingano a consigliare la visione di quest’inutile film.

Partiamo dal principio, che si mostra subito essere abbastanza squallido con i rap del bambino veramente ma veramente insopportabili, l’immancabile segnale del telefono assente (per fortuna c’è Skype verrebbe da dire) e la solita videocamera che riprende qualsiasi cosa (forse qui va un po’ meglio di alcuni suoi più o meno illustri predecessori, anche se ormai francamente ha stancato, specie se riprende il nulla o quasi). Ma la sensazione prevalente è una noia mortale, di quelle che stimola sbadigli uno dopo l’altro.



Per fortuna poi iniziano una serie di faccende abbastanza bizzarre che quantomeno lasciano ben sperare in una positiva evoluzione dei fatti, aiutate anche dai comportamenti non esattamente usuali dei nonni, che non sembrano promettere nulla di buono… o forse sì dipende dai punti di vista.

E invece ecco che siamo al minuto 45 e non è ancora successo nulla di interessante e le palle cominciano a farsi davvero ingombranti. Ma non è solo quello, in questa prima parte il film non riesce proprio a creare un minimo di interesse nella faccenda, neppure un accenno di pathos, niente proprio.

Gli sbadigli si susseguono fino a che quella dannata vecchia non trova la telecamera, facendomi quasi cadere dalla sedia, complice il torpore in cui ero caduto e forse la speranza (vana) che il film prenda quota da un momento all’altro torna a fare capolino.

Purtroppo però lo spettatore non viene esaudito e si prosegue col nulla cosmico; neppure gli ultimi minuti risollevano la situazione, anche se la scoperta che fa la madre grazie al predetto Skype non è male, ma non basta di certo a risollevare la situazione.

Il finale non mi ha convinto ed anzi l’ho trovato decisamente fuori luogo, con uno “scontro” ai limiti del ridicolo ed una risoluzione della faccenda affrettata e frammentaria.

Le recitazioni nel complesso risultano scadenti, fatta eccezione per la vecchia, ben interpretata dalla brava Deanna Dunagan.



Bocciatissimo, girate alla larga.


Giudizio complessivo: 3
Buona visione e alla prossima,

Luca Rait




Trailer




Lasciate un commento, oh voi che leggete...
Per non perdervi neanche una recensione, seguiteci qui ;) :